Ecco le terribili e impietose domande alle quali è stata sottoposta La Laureanda Barbara Berlusconi

Barbara Berlusconi si è laureata con il il massimo dei voti, 130+ 20 di bonus.

Occorre dire che l’esame, sostenuto nell’università di don Verzè dipendente e socio del papà Silvio, è stato severissimo. Gli esaminatori non si sono fatti per niente influenzare dalla minaccia di essere licenziati in tronco se la ragazza fosse stata respinta e gli hanno rivolte domande difficilissime, alle quali ha risposto Ghedini l’avvocato di Papi perchè è noto che, per tradizione di famiglia nessuno di loro risponde di persona alle domande.

Comunque bisogna dire che la mancia di 100.000 euro per ogni esaminatore è stata fortemente gradita dagli esaminatori.

Siamo in grado di farvi conoscere le domande poste alla laureanda:

1° Ci saprebbe dire approssimativamente quanti anni ha?

2° Ci dica quale è il suo colore preferito.

3° D’estate, calza sandali o infradito?

4° Quale è il suo posto preferito per le vacanze estive?

5° Come si chiama di nome suo padre?

 

Ecco le terribili e impietose domande alle quali è stata sottoposta La Laureanda Barbara Berlusconiultima modifica: 2010-07-22T12:03:12+02:00da briccones
Reposta per primo quest’articolo

31 pensieri su “Ecco le terribili e impietose domande alle quali è stata sottoposta La Laureanda Barbara Berlusconi

  1. Come immaginavo,le solite cretinate.Credevo di leggere qualcosa di importante…..invece. Si vede che non avete proprio niente di meglio da fare….beati voi….ma andate a lavorare….e non ditemi che è questo il vostro lavoro..ho visto poca gente pagata per rompere le palle al prossimo..o forse a sinistra ne hanno così tanti che non sanno più che farsene…..beh…allora alla faccia della gente che lavora veramente…

  2. devo dare ragione a giansek pur essendo un forte oppositore del bluff mondiale che porta il nome del nostro presidente del consiglio…cioe’ …lasciate in pace la figlia… queste cose si verificano in tutti i posti del nostro martoriato ( dal presidente) paese e piuttosto prendetevela con chi dopo tutti i guasti che questo infausto padrone ha procurato a questo paese continua a votarlo e a una completa assenza di opposizione degna di questo nome incapace di assumere la dirigenza del paese al posto di un personaggio che da 15 anni inperversa senza un minimo di ripresa . un italiano all’estero.

  3. siete i soliti satrapi, pagliacci invidiosi che non hanno niente nel cervello.
    Sapete solo vomitare idiozie e cazzate.
    Credo che BAFFONE e IL MIGLIORE, a vedervi e sentirvi si stiano rotolando nelle loro tombe.
    Auguri, continuate in questo modo, così le elezioni le vinceremo in eterno!

  4. In un momento così tragico per moltissimi italiani, dobbiamo anche leggere str@zate di queto genere. Ma forse chi ha scritto queste scemenze è proprio pagato per fare pubblicità al -nano bifronte- Suscitare indignazione è una buona pubblicità. Comunque sia chi ha fatto questo articolo è uno psicopatico degno del -nano rettigliano-.

  5. In un momento così tragico per moltissimi italiani, dobbiamo anche leggere str@zate di queto genere. Ma forse chi ha scritto queste scemenze è proprio pagato per fare pubblicità al -nano bifronte- Suscitare indignazione è una buona pubblicità. Comunque sia chi ha fatto questo articolo è uno psicopatico degno del -nano rettigliano-.

  6. uh, riecco i troll prezzolati…certo, parliamo di cose serie, ad esempio degli scandali che ormai spuntano uno al giorno ad opera del governo e della maggioranza più corrotti mai esistiti al mondo, tutti dentro in parlamento per nn finire tutti dentro in GALERA!!!!!!

  7. L’ estensore dell’articolo,spirito di patate,sa benissimo che l’esame di laurea è una pura formalità,specie se si prepara una tesi compilativa;e il voto finale è diretta conseguenza dell’impegno e dei voti acquisiti durante il corso di laurea!Quindi,a che pro fa lo spiritoso,solo perchè la la laureanda è la figlia di Berlusconi,che,a lui,comunista,gli sta sulle scatole?

  8. al don verza non gli è ne frega niente di quel che fanno papi banana e figli vari ha lui interessa solo il suo unico e vero dio il DENARo più gli è ne danno più e contento e spero che lo faccia vivere ha lungo cosi avra più anni di galera da fare

  9. Purtroppo gli invisibili devono ricorrere a queste idiozie per farsi pubblicità e farsi notare, del resto se fossero seri nessuno li cacherebbe.
    Più idioti siamo noi a continuare a a cliccarli sapendo quelli che sono, attratti dalla curiosità li portiamo sempre più in alto alla classifica di chi scrive le più grandi idiozie che si possano leggere spesso anzi quasi sempre nei blog.

  10. Perché a destra devono sempre tirare fuori la barzelletta celodurista che se la sinistra è così vinceranno le elezioni in eterno, mostrando una sorta di muscoli da accatta-voti di vecchine? Cioè, dopo avere sfornato il peggiore governo del dopoguerra (lo dice l’economist, non i comunisti che fanno loro tanta paura) ritengono di malcelare orgoglio, dileggiando chi se la ride di don verzè e una delle tante famiglie del berlusconi, baciapile di sola facciata?

  11. Siete veramente ridicolik, prendervela con la figlia! io sono un’accanita sostenitrice del PD ma questo gettare fango mi disgusta…se vi proponessero di portare la bora ad un figlio di berlusconi per guadagnare 1.000 euro alm mese vi buttereste a pesce! almeno Berlusconi e company lo fanno per svariati milioni di euro… suvvià pensate a laurearvi anche voi

  12. @ Virginia. La tua passione per il PD mi puzza un pò ma io,per Par condicio parlerò male anche di te.
    Portare la borsa ad un figlio di Berlusconi è un lavoro onesto, ammenochè in quella borsa non ci siano soldi frutto di evasione fiscale da portare ad esempio, in qualche paradiso fiscale, attività che Berlusconi ha praticato in maniera frequente oppure non ci siano soldi destinati alla corruzione di qualcuno o destinati a pagamenti in nero.
    Perciò credo che molte persone oggi accetterebbero quel lavoro e magari persone che hanno studiato, con fatica molto di più di Barbara.
    Aver fatto laureare la figlia in una università privata che appartiene ad un suo dipendente mi sembra che sia prima di tutto di cattivo gusto e soprattutto rappresenta scarsa fiducia nelle capacità della figliola.

  13. @Onofrio. Secondo te quell’esame poteva finire con un voto diverso?
    Davvero pensi che gli esaminatori dipendenti del padre della esaminanda avrebbero potuto dare un voto diverso essendo, il padre, pure presnte all’esame?
    Secondo te avevavano piena libertà di giudizio?
    Come mai malgrado che esistano migliaia di università qualificatissime lei si è iscritta ad una università sconosciuta e di scarso valore?

  14. @Watermenko. Scommetto che non conosci il significato della parola “Satrapi”
    Sappi che da esami compiuti al Cern di Ginevra nel mio cervello è stata verificata un intensità tale di neuroni che per governare il traffico hanno dovuto inserire decine di rotatorie e quel vampiro di Tremonti, appresa la notizia, ha subito deciso di far pagare il pedaggio.
    In merito poi al tuo cervello fammi il favore di salutarmi quell’unica particella di sodio che si aggira solitaria.

  15. Azz…manca solo il palo della tortura al quale legarti ;-))

    Ma se dicono che noi non abbiamo un BELIN da fare…loro che vengono a leggere e commentare cosa fanno?

    Concordo con Saturninoz, ti sei scordato la domanda più importante della commissione.;-))

    Buona giornata Briccone

  16. @Tina. Ciao, i commenti che mi sputtanano sono il sale della vita. Non sanno che piacere mi fa farli incazzare.
    Saturninoz deve stare attento, essere nominati a quel cesso di Cesare Silvio, con questo afrore di mafia che lo sta circondando non mi sembra prudente.

  17. Certo che sti “ammiratori” del nano Berlusca, proprio non gli piacciono questi discorsi, e si danno da fare, come meglio possono, per scrivere su questi blog offese di tutti i generi. Provate un pò voi ad andare a scrivere su quei pochi blog che inneggiano il delinquente berlusca, col cavolo che vi lasciano scrivere!!! Capito quindi? adeguiamoci la verità la dice Fede e Vespa… e niente interlocutori

Lascia un commento